A seguito delle maldicenze che, dal giorno del loro matrimonio, continuavano a minare la stabilità familiare il principe Umberto II di Savoia e la principessa del Belgio Maria Josè, sua consorte, consigliati anche dal re Vittorio Emanuele, decisero di lasciare la corte piemontese e di trasferirsi a Napoli e di stabilirsi a Palazzo Reale.

L’arrivo dei giovani principi, avvenuto il 4 novembre 1931, fu suggellato da un simbolico saluto alla Città dal Duomo. Il giorno successivo, nuovamente accolti dalla popolazione in festa, Umberto II e Maria Josè si recarono in visita alla Cappella del Tesoro di San Gennaro.

Pisside donata da Umberto II di Savoia

In tale occasione donarono la pisside in oro, corallo e malachite, commissionata appositamente alla famiglia Ascione di Torre del Greco, detentori del Brevetto di Casa Reale e fornitori di Casa Savoia, testimonianza eccellente della lavorazione del corallo nella cittadina campana, capitale indiscussa del corallo, e della grande abilità degli artigiani di scuola napoletana.

La pisside è un bellissimo esempio non solo di lavorazione orafa; in essa, gli elementi formali e cromatici sono in perfetta armonia.

Il museo è CHIUSO. Prossima apertura domani alle 09:00 fino alle 16:30. Ultimo ingresso alle 16:00

Condividi su Instagram con

Something is wrong.
Instagram token error.
Load More

Pin It on Pinterest